Siamo ragazzi del ’56

LEOOgni volta che mi chiedono l’età amo dire che ho gli stessi anni di Miguel Bosè…sono un ragazzo del ’56. Il problema però è che oggi questa affermazione dichiara 62 anni di età, situazione in cui si ha l’obbligo di comportarsi diversamente da quando l’età era 32,42 ed anche 52. Una riflessione questa che mi ha portato a mettere in discussione il mio modo di essere. Da un “cazzone” quale ero, oggi forse è giunto il momento di comportarsi diversamente.

Il primo passo è stato quello di sospendere temporaneamente il mio profilo FB per cercare di “disintossicarmi” dalla voglia di sparare fesserie sul social più famoso. Ma non basta: bisogna lavorare anche sulla mia irrefrenabile voglia di essere galante con le mie amiche, è necessario smetterla di atteggiarmi da ragazzino; insomma debbo necessariamente, per così dire, mettere la testa a posto. Le persone mi giudicano in continuazione criticando molto spesso quello che faccio. Non che la cosa mi sconvolga più di tanto, ma se la critica è diffusa, forse c’è qualcosa che non va nel mio modo di essere. Quindi è giunto il momento di dare un cambio drastico al Leonardo che tutti conoscono…

Mi fermo a riflettere sulla mia scelta. Il cambiamento è vita, il cambiamento è successo, ma…io sono “cazzone” da 50 anni e non è certo questo il momento di cambiare il mio modo di essere. Quindi, amici miei, quindi parenti ed affini, io resterò come sono con tutti i miei difetti ed i miei pregi, perchè chi mi vuole veramente bene, chi mi è amico/a mi ha scelto perchè ero così. A chi invece non vado bene mi sento di dire, dal profondo del mio cuore:

FOTTETEVI!

Che fine hai fatto?

La-Valorizzazione-di-Imbarazzante-Ascoltare-il-SilenzioCiao, che fine ho fatto…. Bella domanda. Sono tra i miei pensieri, circondata da poche ma indispensabili persone che mi amano molto e che, con grande dedizione ed altruista stanno cercando di aiutarmi a ritrovare un po’ di equilibrio. Scusami ma se mi vuoi bene stai in silenzio, ne ho bisogno.

Parole piene di sofferenza, ma allo stesso tempo parole dolci. Spesso accade che si perda il proprio equilibrio; all’improvviso e con la stessa rapidità si sprofonda in un pozzo senza fine. È in quei momenti che si pretende un silenzio ovattato intorno alla propria anima. Ci si nasconde dietro un velo di tristezza. Si perdono le forze, quelle che sono il motore del nostro vivere. Il corpo va in riserva, la mente scivola in fondo alla strada della tranquillità.

Sono tra i miei pensieri! Persa o forse tranquillamente adagiata fra di loro, alla ricerca di serenità, quella serenità che la perdita di affetti, l’allontanarsi del sentimento “amore” scacciano con violenta indifferenza.

Scusami ma se mi vuoi bene stai in silenzio, ne ho bisogno. 

Il silenzio, la medicina del nostro soffrire, la certezza dell’essere rispettati. Restare in silenzio per rispettare il dolore del suo cuore.

Adesso taccio! Ecco ora resterà solo il rumore dei tuoi pensieri.

Avvolto dall’emozione

TemporaleI sentimenti e le sensazioni non fanno parte di un progetto prestabilito. Essi si muovono in maniera totalmente autonoma prendendoci alla sprovvista.

A me piace guardare dentro al mio cuore e scoprire quante cose belle esso racchiude. A me piace sognare storie fatte di semplicità di sentimenti. Amo amare!

Ho scoperto che nel mio cuore si aggira il desiderio di emozioni forti di innamorarmi di qualcuno che comprenda cosa veramente questo voglia dire.

Ho la fortuna di poter guardare dentro al mio cuore ogni volta che lo desidero, senza giustificarmi, senza dover rendere conto a nessuno. La notte, sotto un cielo stellato, cullato da un venticello notturno posso bearmi di questa esclusiva felicità.

Tu mi sorridi, ma chi sei? Non ti conosco, non so nemmeno il tuo nome, so solo che quando apro la porta del mio mare ti incontro. Ti prego fatti vedere, siediti vicino a me e prendimi la mano. Ho bisogno di sensazioni forti, della felicità e della passione che uno sguardo come il tuo possono darmi. Ho bisogno di godere del tuo essere maledettamente bella.

Fai parte dei miei ricordi, di quello che ho avuto la fortuna di poter provare, ma sei anche il mio futuro, un futuro incerto ma spaventosamente ricco di sensazioni forti. Lo so non puoi capire come ciò possa essere accaduto, puoi solo continuare a vivere nel mio cuore intensamente legata al sospiro di una vita che voglio poter vivere.

Stasera avvenne fra 19 anni

Appartamento_vendita_Monte_Argentario_foto_print_627541898Stasera ho realizzato che solo 19 anni mi separano dal compiere 80 anni. Una sorte di presentimento complesso che mi proietta nell’intimo del mio essere. Il tempo trascorre inesorabilmente, la vita mi propone strade diverse, mi tende agguati.

Stasera avvenne fra 19 anni. Ricordi di tutto quello che ho fatto che ho passato, di quello di cui ho gioito.

Ricordo Poggio Pertuso, il suo sorriso; noi due sulla terrazza a fumarci una sigaretta, guardando le stelle e facendo l’amore. Sensazioni forti di un passato felice. Le bambine piccole, il divorzio la corsa da Milano a Roma per poterla abbracciare. Stasera si è presentata violentemente nei miei ricordi, aprendo nuovamente uno squarcio di dolore. Lei suo figlio, io le mie due figlie.

Sono stato fortunato, sono ancora terribilmente fortunato. Ho potuto provare sensazioni forti, meravigliose. Ho fatto l’amore tardi, già maggiorenne. L’ho fatto con una ragazza che amavo follemente. Anche per lei era la prima volta. Dio se l’amavo.

Amori, sofferenze. Felicità straordinariamente intensa.

Eravamo a Venezia, alla pensione Vianello, agli Alberoni. Lei era lì, unica fanciulla. Con Carlo cercavamo disperatamente di conquistarla. Le voglio troppo bene, lei esiste, è nel mio cuore.

Anni intensi, litigi e tradimenti, ma dopo Stintino 48 anni di amicizia profonda.

Viaggio nei ricordi di un passato vivo. Viaggio a cavallo di amori e sofferenze. La mia famiglia, la dolcezza di mio padre, la serenità di mia mamma. Sensazioni forti, 61 anni di amore intenso che ancora oggi mi aiuta a vivere. Loro ci sono ed io ringrazio Dio.

Non basta quello che ho oggi se non supportato dall’aver potuto amare disperatamente. Quanti pianti, quante delusioni d’amore, ma quante opportunità di essere felice. Ricordo tutti i miei amori, li ricordo semplicemente perché fanno parte della mia vita e non potranno essere mai cancellati, forse nemmeno dalla mia morte. Esseri meravigliosi, nomi e ricordi che hanno un posto al sole nel mio cuore. Le sogno, le abbraccio e so che il loro sorriso, la loro dolcezza sfioreranno per sempre la mia anima.

Stasera avvenne fra 19 anni. La felicità e la fortuna vanno rispettate. Non possiamo mai permetterci di non rispettarle, perchè sono un dono di Dio. Io ne sento il calore e l’intenso sapore di un dolce amare.

Ecco, volevo solamente accarezzare gli anni meravigliosi che vivo ed ho vissuto in questi mei ultimi 61 anni.

La Baia d’Argento.

Stasera avvenne fra 19 anni. L’incredibile bellezza del gioco del Golf. Ricordi di amici che non ci sono più, ricordi dell’Ugolino, dell’Acquasanta, di Riva dei Tessali e dell’Olgiata. Amici, partite, risate e vita!

L’Albero

IMG_4444Ho voluto disegnare questo albero perchè rappresentava un mio pensiero del momento. Nella sua semplicità, con colori autunnali ed una forma che richiamava le sue foglie voleva essere l’espressione di quello che mi porto nel cuore.

Amo tutto ciò che mi circonda, amo il sorriso di una donna, amo il poter vivere intensamente, amo i miei figli, i miei fratelli, mia moglie e i miei genitori.

Amo i miei amici, le mie amiche con cui divido spesso momenti di felicità intensa.

In questo albero c’è tutta l’essenza della vita di questa cosa meravigliosa che ci permette di vedere il tempo trascorrere incurante del male. Spero di poter beneficiare di questo amore intenso ed esclusivo che ogni giorno avvolge il mio cuore. Tu ne farti parte di diritto, voi anche.

Sì lo so è un controsenso pensare alla felicità e disegnare l’autunno; fa parte di un piccolo scaramantico pensiero che mi aiuta a sorridere a tutto quanto mi è stato regalato dalla vita.

Italia: il paese dei quaquaraquà!

SvegliatiUltima ora ANSA:

Dopo il giro di consultazioni con i leader politici e i presidenti di Camera e Senato, ha parlato il presidente della Repubblica: “Non esiste una maggioranza con la sola Lega e i Cinque Stelle e si è rivelata impraticabile una maggioranza M5s con Pd ed è stata sempre affermata da entrambe le parti, l’impossibilità di un’intesa tra il centrodestra e Partito democratico. Tutte queste indisponibilità mi sono state confermate questa mattina”, ha detto Sergio Mattarella

“Il governo presieduto dall’onorevole Gentiloni – ha detto ancora Mattarella – che ringrazio per il lavoro che ha svolto e sta svolgendo in questa situazione anomala, ha esaurito la sua funzione e non può essere ulteriormente prorogato in quanto espresso da una maggioranza parlamentare che non c’è più”. “Ritengo che sia più rispettoso” della dinamica democratica che a “portare alle elezioni sia un governo non di parte“. “L’ipotesi alternativa è indire nuove elezioni subito ma non vi sono tempi per il voto entro giugno, si potrebbero svolgere in piena estate ma finora è stato evitato perché per gli italiani è difficile esercitare il voto, si potrebbe fissare in autunno”. “Sarebbe la prima volta che il voto popolare non viene utilizzato e non produce alcun effetto. Scelgano i partiti con il loro libero comportamento e nella sede propria parlamentare. Cerchino una maggioranza politica per un governo neutrale entro l’anno oppure nuove elezioni subito, in autunno o nel mese di luglio”. 

Sono passati 60 giorni da quando siamo andati a votare eppure ad oggi ancora nulla di fatto. Su FB si continuano a leggere commenti pro e contro quel leader o quell’altro leader politico, ma nessuno di noi italiani grida allo scandalo per la situazione in cui ci troviamo. Il primo partito italiano, il M5s non è in grado di trovare una alleanza in quanto in campagna elettorale ha sparato a zero su tutti gli altri partiti promettendo cose irrealizzabili . La Lega, non trova alleanze in quanto si porta dietro Berlusconi, il PD è allo sfascio più totale. E noi? Noi continuiamo a difendere coloro che abbiamo votato dando la colpa alla legge elettorale.

Follia! Siamo oramai una “Repubblica” del Terzo Mondo dove chi si presenta alle elezioni non sa nemmeno di cosa stia parlando, chi governa le nostre città le stai portando alla distruzione totale, ma noi siamo felici perchè Renzi ha perso, Berlusconi pure. Continuiamo a difendere l’indifendibile ed intanto il nostro paese sta morendo, Roma sta morendo…la nostra economia sta morendo, ma siamo felici perchè Di Maio ha preso il 33% dei voti.

Viva l’Italia!

Ricordi lontani di un passato vivo

600

Mi fermo spesso a ricordare la mia infanzia e le cose belle che mi sono state riservate. Amo soffermarmi su ricordi che quando vengono richiamati dalla mia mente assumono una veridicità impressionante.
Rumori, suoni, profumi gironzolano nei miei ricordi facendomi sentire parte attrice di quel momento.

Non esiste in realtà un ordine codificato per cui questi momenti decidano di affacciarsi al mio oggi. Eppure una regola penso ci sia. Il dolore non appare mai, mentre il piacere occupa tutta la scena.

In realtà quando noi ricordiamo dovremmo essere in compagnia di chi ha fatto parte di quel ricordo perchè piccole sfumature dello stesso, che in realtà sono la vera essenza del ricordo, ci possono sfuggire. È accaduto ieri, quando con tutta la mia famiglia (mancavano in realtà Ginevra e Ludovica), siamo andati a trovare Francesca. Come accade sempre in questi casi, dove in realtà le persone convenute non fanno parte dei ricordi, i due protagonisti trovano piccole occasioni per riportare alla mente quei momenti di intenso piacere che hanno vissuto in maniera esclusiva.

Con Francesca ieri, nella breve vista, abbiamo scalato momenti intensi di un passato lontano. Vivi ricordi di 46 anni fa. Noi ce li portiamo nel cuore e poterli riportare alla mente è un dono esclusivo e prezioso.